Per i vampiri non saprei, ma per il colesterolo alto l’aglio è utilissimo

Per i vampiri non saprei, ma per il colesterolo alto l’aglio è utilissimo

18 Maggio 2018 Curiosità 0

L’Allium sativum L., noto ai più come aglio, è una pianta coltivata bulbosa della famiglia delle Alliaceae, parente stretta di cipolla, scalogno e porro.

L’aglio è stato usato durante la storia sia in cucina sia per scopi medici. Ha un sapore caratteristico pungente e “piccante”, che si ingentilisce e addolcisce considerevolmente se cotto.

Una ‘testa’ d’aglio, la parte più comunemente usata, contiene molti denti separati. Anche le foglie e gli steli vengono a volte mangiati, soprattutto se teneri e non ancora maturi.

Utile per l’organismo ?

L’aglio è usato come alimento e come medicina da molte culture per migliaia di anni, fin dai tempi della costruzione delle piramidi egizie. Lo consideriamo efficace nella prevenzione di disturbi cardiaci, tra cui l’arteriosclerosi, del colesterolo alto, della pressione sanguigna alta e pare rinforzi il sistema immunitario.

Utile contro i tumori ma la scienza non abbia ancora detto l’ultima parola in merito, gli studi sembrano promettenti e molti medici hanno già fornito prove di miglioramenti, dovuti al consumo d’aglio, nell’ambito della prevenzione del cancro e dei fattori di rischio di malattie cardiache nei pazienti.

Ha proprietà antiossidanti e gli antiossidanti collaborano all’eliminazione dei radicali liberi, particelle che possono danneggiare le membrane cellulari, interagire con il materiale genetico e addirittura contribuire allo sviluppo di disturbi come malattie cardiache e tumori.

La presenza di radicali liberi nel corpo è naturale, ma le tossine dell’ambiente, tra cui i raggi ultravioletti, le radiazioni, il fumo del tabacco e l’inquinamento dell’aria, possono aumentare il numero di queste particelle nocive.

Gli antiossidanti possono neutralizzare i radicali liberi e ridurre o addirittura aiutare a prevenire alcuni dei danni provocati da questi ultimi con il tempo.


Hai dei dubbi e vorresti un consiglio? Invia le tue domande a

Chiedi a Luca Napoli

Ti risponderò appena possibile

Rispondi